Warning: Use of undefined constant WC_VERSION - assumed 'WC_VERSION' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.sana-pianta.com/home/wp-content/plugins/shortcode-pagination-for-woocommerce/jck-woo-shortcode-pagination.php on line 58

Warning: Use of undefined constant WC_VERSION - assumed 'WC_VERSION' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.sana-pianta.com/home/wp-content/plugins/shortcode-pagination-for-woocommerce/jck-woo-shortcode-pagination.php on line 60
Orto Verticale | Sana Pianta

ORTO VERTICALE

Come già visto con l’orto rialzato, che ben si adatta per la realizzazione di oasi verdi sui tetti dei condomini urbani, oggi ci occuperemo di una soluzione verticale per la coltivazione negli spazi angusti degli appartamenti di città e non solo.

Quando l’unica possibilità di coltivazione è un balcone o un terrazzo, arriva l’orto verticale che ci permette di sfruttare tutto lo spazio a disposizione per coltivare erbe aromatiche e verdure.

On line e on paper si possono trovare molte soluzioni per lo sfruttamento degli spazi verticali, al centro di questi progetti green, si trova l’esigenza di massimizzare la produttività agricola e in contemporanea dare vita ad un tale progetto rappresenta un primo passo importante verso l’autoproduzione e la sostenibilità ambientale.

Per lo sfruttamento degli spazi verticali è necessaria una struttura portante sulla quale andranno a dimorare le nostre piantine, per la realizzazione di questa piccola architettura eco sostenibile, è auspicato l’utilizzo di materiali di scarto, in tal modo andremo a favorire l’arte del riciclo.

A questo punto l’unico limite è la vostra creatività, a sostituire banali vasi e fioriere potremo trovare teiere, bottiglie di plastica, scale di legno, stivali di gomma, e tutto quegli oggetti che possono avere le caratteristiche adatte a trasformarsi in contenitori per terriccio e piante.

Una delle soluzioni più gettonate e funzionali resta l’adattamento dei pallet a intelaiatura per i nostri orti verticali; come fare:

  • Per prima cosa il pallet va “addomesticato”, ovvero ci si deve occupare di preparare lo schienale (che poggerà sulla superficie verticale), andranno rimossi assi e chiodi superflui, poi una volta risistemate le assi avvitandole creando dei cassetti, sarà giunto il momento di tagliare le sporgenze e dare una bella carteggiata, a questo punto andranno stese un paio di mani di impregnante.
  • Ora con il pallet bello lucido e carteggiato, ci si deve occupare del lato che poggerà contro il muro, le superfici destinate al contatto con lo spazio verticale andranno rivestite con un sottile strato di gomma piuma, fatto ciò inseriremo degli occhielli che si agganceranno ai chiodi precedentemente fissati nella parete sulla quale si vuole mettere a dimora il nostro orto verticale. Nel caso volessimo una soluzione verticale mobile, anziché occuparci di chiodi e occhielli, andremo a inserire alla base del nostro orto-pallet quattro funzionali ruote.
  • Il pallet è pronto con i suoi cassetti, prima di adagiare le nostre piantine ci resta un’ultima semplice e rapida operazione: rivestire con un telo per pacciamatura (che permette una buona respirazione del terreno) opportunamente ritagliato i cassetti. A questo punto non ci resta che sporcarci le mani e inserire la terra nell’orto verticale. Le piantine troveranno un’accogliente e florida dimora nelle sacche cassetto così realizzate.

Questo tipo di strutture sono particolarmente adatte per la coltivazione di pinte aromatiche che non possono mancare nella vostra cucina, anche se non siete dei food blogger o ancor peggio dei food influencer, lasciatevi rabbonire dai consigli della nonna e quindi impiantate: prezzemolo, peperoncino, salvia, menta, basilico, rosmarino, timo, erba cipollina, maggiorana e magari dei germi di soia.

Se per gli aromi non ci sono problemi, non tutti gli ortaggi sono adatti alle soluzioni verticali, uno dei limiti evidenti di questo tipo di coltivazione è la lunghezza dei fusti degli ortaggi, che deve essere contenuta e proporzionata alla larghezza della dimora delle radici.

Si adeguano a queste esigenze le verdure a cespuglio basso, come le lattughe e le indivie. Per aumentare la produttività gli esperti suggeriscono di collocare alla base dell’orto piante rampicanti come cetrioli, zucchine (trombetta) e particolari tipi di pomodori (ciliegini, perini).

Buon orto verticale, contadini di città!


Deprecated: Non-static method Iconic_WSP_Pagination_Below_3_2_4::loop_end() should not be called statically in /web/htdocs/www.sana-pianta.com/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 287